Le buone pratiche della formazione: il caso di Casa di Cura Luigi Cobellis Srl, Meridial Srl, Dialisi Tirreno Srl, Istituto di Radiologia e Medicina Nucleare Srl

22 gennaio 2021

Continua la rubrica dedicata a “le buone pratiche della formazione”, uno spazio della nostra newsletter che periodicamente Fonservizi dedica alle aziende aderenti. Si tratta di un diario nel quale annotare e dare evidenza ad esperienze di formazione alle quali aziende e lavoratori hanno preso parte grazie al riconoscimento di finanziamenti da parte del Fondo.
In questo numero segnaliamo il piano formativo codice avv022018 137 finanziato da Fonservizi attraverso l’Avviso 02_2018.
Protagoniste di questo piano settoriale dal titolo “PROGRESS: PROGetto per la Riqualificazione E lo Sviluppo del personale Sanitario” sono 4 strutture sanitarie. In particolare il piano formativo è stato presentato da FO.SA.PA, ente accreditato per la formazione continua e specializzato nell’assistenza alla pubblica amministrazione in collaborazione con l’E.I.T.D, per i dipendenti di CASA DI CURA PROF. DOTT. LUIGI COBELLIS SRL, MERIDIAL SRL AMBULATORIO DI EMODIALISI, DIALISI TIRRENO SRL, ISTITUTO DI RADIOLOGIA E MEDICINA NUCLEARE SRL.
LA CASA DI CURA “PROF. DOTT. LUIGI COBELLIS” rappresenta da oltre sessant’anni un punto di riferimento nell’erogazione di servizi sanitari per tutta la provincia di Salerno. La struttura sorge nel cuore del Parco Nazionale del Cilento, in una posizione strategica per servire una vasta area geografica a Sud della Regione Campania. Fondata per volontà del Prof. Dott. Luigi Cobellis nel 1948, la Casa di Cura non ha mai smesso di evolversi e di rinnovarsi: dal primo intervento chirurgico – che risale al 8/12/1948 – ad oggi, la Casa di Cura si è trasformata in una moderna struttura ospedaliera che vanta tecnologie d’avanguardia e una vasta offerta di servizi sanitari. La struttura dispone attualmente di 110 posti letto: 77 posti per il Raggruppamento Chirurgico, che ospita i pazienti di Chirurgia Generale, Ginecologia, Urologia, Ortopedia e Oculistica; 33 posti per Il Raggruppamento Medico, per i malati di Medicina Generale e di Nefrologia.
Il centro di emodialisi MERIDIAL srl, nasce nel 1987 ed eroga prestazioni ambulatoriali di emodialisi a copertura del fabbisogno di un vasto territorio, con circa 70.000 abitanti. Il centro rappresenta l’unica struttura accreditata per le prestazioni di emodialisi dell’area di riferimento e questo gli ha consentito di diventare un punto di riferimento, non solo per le esigenze dei pazienti nefropatici in trattamento emodialitico di un ampio territorio, ma anche per le strutture ospedaliere della zona, che possono usufruire dei servizi altamente all’avanguardia del centro di dialisi.

L’Istituto di Radiologia e Medicina Nucleare è un rinomato centro diagnostico, operante in regime di accreditamento e dotato di attrezzatura diagnostica specialistica che da sempre soddisfa le innumerevoli richieste di un territorio con elevato bacino di utenza. L’istituto, specializzato in radiologia diagnostica, unisce alla lunga esperienza, un alto livello di specializzazione nell’esecuzione delle indagini strumentali, costituendosi come un centro di riferimento per il Vallo di Diano.
Il centro Dialisi Tirreno srl opera dal 1990 nel Golfo di Policastro. Accreditato presso il Servizio Sanitario Regionale, da anni si è affermato quale struttura di eccellenza. Vanta in organico, esperti professionisti ed è dotato di apparecchiature tecnologicamente avanzate.

Per quanto ciascuna struttura sanitaria abbia il suo focus specifico, tutti e 4 i centri sono accomunati innanzitutto dal tipo di attività che offrono, vale a dire la cura della persona e l’attenzione al benessere.
Il piano formativo finanziato da Fonservizi prevede 7 percorsi formativi e coinvolge 69 destinatari, dipendenti delle 4 strutture coinvolteper un totale di 332 ore di didattica
Il Piano presenta percorsi formativi distinti, individuati sulla base della categoria professionale dei destinatari della formazione e dei fabbisogni rilevati all’interno di ciascuna azienda:
1. PERSONALE MEDICO E CAPISALA,con l’obiettivo di migliorare le prestazioni pratiche-operative, ma anche di ottimizzare le competenze in ambito di organizzazione del lavoro e collaborazione con i diversi reparti;
2. PERSONALE INFERMIERISTICO, con l’obiettivo di raggiungere una gestione autonoma e responsabile degli interventi preventivi e assistenziali rivolti alle persone assistite, alla famiglia e alla comunità; nonché di acquisire tecniche infermieristiche all’avanguardia e di ultima generazione, anche mediante l’utilizzo di strumenti tecnologici innovativi.
3. PERSONALE OSS – OSA, con l’obiettivo di acquisire competenze in ambito di sanificazione delle strutture ospedaliere. La formazione è infatti incentrata sulla trattazione dei criteri ambientali minimi per la pulizia e disinfezione delle strutture sanitarie, al fine di garantire costantemente un adeguato livello di igiene e di qualità microbiologica delle strutture, nel rispetto dei criteri di sostenibilità energetica ed ambientale.
4. PERSONALE TECNICO/AMMINISTRATIVO, con l’obiettivo di trasferire conoscenze giuridico/professionali volte ad implementare le capacità gestionali del personale coinvolto.

Le attività didattiche attualmente sono in corso di svolgimento e nonostante il delicato momento storico che sta vivendo il nostro paese a causa della pandemia in atto, il personale ha manifestato interesse per le iniziative formative in programma, determinando uno sviluppo degli esiti attesi in linea con quanto definito in fase di progettazione e sviluppando nel personale coinvolto una maggiore consapevolezza del valore aggiunto della formazione, sia in termini di competenze acquisite che in termini di impatto sugli utenti.

Questo articolo è stato redatto con il contributo dell’Avv. Biagio Matera, responsabile del piano formativo FO.SA.PA.

ARCHIVIO ARTICOLI LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE
11/03/21 – Le buone pratiche della formazione: il caso di Talete S.p.A.

10/02/21 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ECO.LAN. SRL, GTRAS SRL, ENERGIE ECOLOGICHE SRL, N.G. SRL

14/12/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ATOMTECH SRL, BASIC SRL E PHILMARK INFORMATICA SPA

17/11/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI MARIA CECILIA HOSPITAL

15/10/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI METALSUN SRL

15/09/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI FIUMICINO TRIBUTI S.P.A.

22/07/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DELLE SCUOLE CAMPANE

09/06/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DOTTOR SORRISO ONLUS

04/05/20 LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI EURO.MED., FA.MA. SOC.COOP.SOC. E LA PERGOLA SOC.COOP.SOC.

08/04/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI CASA SPA, SPES S.C.R.L., APES S.C.P.A. E SOCIETA’ RISORSE SO.RI. SPA

11/03/2020 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI VILLA TORRI HOSPITAL

22/03/19 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI SANTA MARIA DEL CASTELLO ONLUS

27/02/19 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: CONSORZIO PRODEST

24/01/19 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ACSM AGAM SPA

18/12/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI A.AM.P.S. LIVORNO

20/11/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI C.T.I. A.T.I. GRUPPO A.IR. S.P.A.

18/06/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DEL COMUNE DI MESSINA

29/05/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: L CASO DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE DELLA REGIONE LOMBARDIA

15/02/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: L’ESPERIENZA SMAT

31/01/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. CARBOIL

4/12/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. ATM Milano

31/10/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. MAR. Srl

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI MOM – MOBILITA’ DI MARCA

26/07/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI INFRATRASPORTI TORINO

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ACQUA NOVARA VCO

15/05/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO ATENA SpA

4/04/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI SETA SpA

13/03/17 – IL CASO CTM CAGLIARI

28/02/17 – IL CASO DI “ LA GARDENIA SRL”

1/02/17 – IL CASO APT GORIZIA

28/12/16 – IL CASO DI ASA SPA

28/11/16 – L’ESEMPIO DEL COMUNE DI MILITELLO DI CATANIA

26/10/16 – L’ATTIVITÀ DI ASTI SERVIZI PUBBLICI

26/10/16 – IL CASO DI ASIA NAPOLI

25/10/16 – IL CASO DI IAL LOMBARDIA

25/10/16 – IL CASO DI TIEMME SPA

25/10/16 – L’ESEMPIO DI SIA SRL

25/10/16 – IL CASO DI GAIA SPA