Le buone pratiche della formazione: il caso di Santa Maria del Castello Onlus

22 marzo 2019

In questo numero segnaliamo la positiva esperienza della Fondazione Santa Maria del Castello, di Carpenedolo. Questa Onlus ha come “mission” quella di garantire, all’ospite anziano, una qualità di vita il più possibile elevata, considerandone i peculiari bisogni psichici, fisici e sociali, attraverso un’assistenza qualificata e continuativa, in stretta collaborazione con i familiari ed i parenti, con i servizi offerti dall’A.S.L. e dall’Ente Locale. I servizi erogati presso la Fondazione sono :

– assistenza socio sanitaria attraverso progetti assistenziali individualizzati (PAI) definiti dopo la valutazione dello stato dell’Ospite;

– assistenza riabilitativa per recupero funzionale e rieducazione motoria;

– servizio di animazione e ricreazione;

– igiene e cura della persona;

– vitto e alloggio;

Con il piano formativo codice CFA 074 2017, presentato a Fonservizi a valere sul Conto Formazione Aziendale, e premiato nell’evento dedicato a “le buone pratiche della formazione”, la Fondazione Santa Maria del Castello ha iniziato un percorso di formazione multidisciplinare individuando tre macro aree d’intervento:

· AREA SICUREZZA

• AREA COMUNICAZIONE

· AREA 231

Nell’area SICUREZZA sono stati individuati tre corsi di aggiornamento specifici quali Haccp, corso per preposti e RLS, che hanno visto il coinvolgimento in totale di 89 allievi. E’ stato poi sviluppato un percorso formativo sulla COMUNICAZIONE con particolare attenzione al tema della programmazione neuro linguistica -PNL– .

La formazione si è configurata come un momento di condivisione della mission aziendale, non solo, quindi, l’adempimento di quanto previsto dalla normativa vigente in termini di Sicurezza, ma soprattutto un approccio all’attività lavorativa più sistemico e dinamico.

ARCHIVIO ARTICOLI LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE
27/02/19 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: CONSORZIO PRODEST

24/01/19 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ACSM AGAM SPA

18/12/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI A.AM.P.S. LIVORNO

20/11/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI C.T.I. A.T.I. GRUPPO A.IR. S.P.A.

18/06/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DEL COMUNE DI MESSINA

29/05/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: L CASO DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE DELLA REGIONE LOMBARDIA

15/02/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: L’ESPERIENZA SMAT

31/01/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. CARBOIL

4/12/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. ATM Milano

31/10/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. MAR. Srl

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI MOM – MOBILITA’ DI MARCA

26/07/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI INFRATRASPORTI TORINO

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ACQUA NOVARA VCO

15/05/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO ATENA SpA

4/04/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI SETA SpA

13/03/17 – IL CASO CTM CAGLIARI

28/02/17 – IL CASO DI “ LA GARDENIA SRL”

1/02/17 – IL CASO APT GORIZIA

28/12/16 – IL CASO DI ASA SPA

28/11/16 – L’ESEMPIO DEL COMUNE DI MILITELLO DI CATANIA

26/10/16 – L’ATTIVITÀ DI ASTI SERVIZI PUBBLICI

26/10/16 – IL CASO DI ASIA NAPOLI

25/10/16 – IL CASO DI IAL LOMBARDIA

25/10/16 – IL CASO DI TIEMME SPA

25/10/16 – L’ESEMPIO DI SIA SRL

25/10/16 – IL CASO DI GAIA SPA