Le buone pratiche della formazione: il caso di APT Gorizia

1 febbraio 2017

Prosegue la rubrica dedicata a “le buone pratiche della formazione”, uno spazio della nostra newsletter che periodicamente Fonservizi dedica alle aziende aderenti. Si tratta di un diario periodico nel quale annotare e dare evidenza ad esperienze di formazione alle quali aziende e lavoratori hanno preso parte grazie al riconoscimento di finanziamenti da parte del fondo. In questo numero segnaliamo la positiva esperienza di APT Gorizia.

L’Azienda Provinciale Trasporti è la prima società pubblica di trasporti su gomma in Italia ad essere trasformata in SpA; dal 2000 gestisce il TPL dell’Unità di Gestione Goriziana, in proroga fino all’assegnazione definitiva della Gara Europea a procedura aperta per l’affidamento dei servizi automobilistici di trasporto di persone urbani ed extraurbani e dei servizi marittimi di competenza della Regione Autonoma del Friuli Venezia Giulia. Lo sviluppo di APT attraverso l’erogazione di servizi complementari che arricchiscono l’offerta di mobilità sia in ambito pubblico che privato, e la contingente necessità, determinata dall’assetto economico globale, di attuare un piano di sviluppo basato sull’ottimizzazione dell’offerta e sull’innovazione dei processi aziendali e dei servizi, pone la formazione e l’aggiornamento delle risorse umane in una posizione nevralgica.

In quest’ottica l’azienda ha da tempo attivato un processo di formazione del personale preposto a funzioni tecnico/amministrative per consentire una progressiva riduzione delle consulenze in outsourcing, attraverso l’acquisizione di un’autonomia altrettanto progressiva nell’operatività funzionale oltre che di responsabilizzazione della professionalità. APT ha formulato un piano complessivo di formazione finanziata con l’obiettivo di far “crescere” le persone, facendo in modo che si determini un’evoluzione e un passaggio dalla cultura del “compito” alla cultura dei “comportamenti responsabili e proattivi”. Dal 2013, in quest’ottica, APT ha utilizzato la formula del cofinanziamento di Piani individuali di Fonservizi, per usufruire di quanto accantonato sul conto Formazione aziendale del Fondo, realizzando molteplici profili di aggiornamento altamente professionalizzanti. Nel corso del 2013 sono stati sviluppati 3 piani formativi dal titolo “PRIVACY OFFICER – START UP” (48 ore), “PREVENZIONE E SAFETY IN AZIENDA” (28 ore) e “GESTIONE DELLA PRIVACY IN AZIENDA” (28 ore). Nel 2014 sono stati sviluppati altri 3 piani formativi dal titolo “INTERNAL AUDITOR SISTEMA INTEGRATO” (48 ore), “INFORMATION SECURITY” (62 ore) e “DESKTOP PUBLISHING” (52 ore). Nel corso del 2015 è stato sviluppato il piano dal titolo “AUDITING SGSL” (58 ore), rivolto al RSPP/RSGA, con l’obiettivo di fornire conoscenze e competenze anche trasversali. In termini di contenuti, il piano è stato incentrato sulle importanti modifiche previste dalle revisioni 2015 delle norme ISO 9001 e ISO 14001; l’addestramento sulle modalità di effettuazione degli audit interni dei sistemi di gestione; l’analisi delle possibili modalità di analisi del rischio. Nel 2016 il piano formativo LA NUOVA PRIVACY PER LE AZIENDE (48 ore) è stato sviluppato a seguito di un’analisi dei fabbisogni formativi sia in termini di conoscenza della nuova normativa, sia in termini più operativi per la redazione della nuova documentazione prevista a implementazione e supporto del sistema. L’esito positivo delle azioni formative e la praticità dello strumento del cofinanziamento attraverso il Conto Formazione Aziendale, ha consentito all’azienda di utilizzare questo strumento anche per ulteriori iniziative maggiormente articolate:

– 2015: AGGIORNAMENTO TECNICO OPERATIVO DRIVERS (8 ore), rivolto complessivamente a 60 operatori individuati dalla Direzione di Esercizio tra autisti, manutentori, operatori al movimento, con l’obiettivo di aggiornare il personale interessato ed individuato in relazione a tematiche di fondamentale importanza per la corretta circolazione su strada, quali l’utilizzo della carta cronotachigrafica e la gestione delle pratiche assicurative. L’obiettivo è duplice nel momento in cui l’esperienza formativa si è composta sia di una didattica di tipo tecnico (legislazione, carte e dati tachigrafici), sia di un approccio di Sistema, attraverso l’analisi delle procedure documentali afferenti la Gestione dei sinistri. Le ovvie necessità di servizio hanno determinato la creazione di 5 gruppi-classe corrispondenti ad analoghi corsi ed un’erogazione che è ultimata nel gennaio 2016.

– 2016: SISTEMA “231” (6 ore) con l’obiettivo generale di mettere a disposizione dell’intero personale momenti formativi mirati e finalizzati a comprendere il D.Lgs. 231/01 ed i suoi impatti nella gestione aziendale attraverso una panoramica degli strumenti e delle soluzioni organizzative adottate dall’azienda stessa, per predisporre un approccio efficace ad una gestione che assicuri sia il rispetto delle normative cogenti che il pieno raggiungimento degli obiettivi di business.

ARCHIVIO ARTICOLI LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO ACQUA NOVARA VCO

15/05/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ATENA SPA

04/04/17 – IL CASO DI “ SETA SPA”

13/03/17 – IL CASO CTM CAGLIARI

28/02/17 – IL CASO DI “ LA GARDENIA SRL”

28/12/16 – IL CASO ASA SPA

28/11/16 – L’ESEMPIO DEL COMUNE DI MILITELLO DI CATANIA

26/10/16 – L’ATTIVITÀ DI ASTI SERVIZI PUBBLICI

26/10/16 – IL CASO DI ASIA NAPOLI

25/10/16 – IL CASO DI IAL LOMBARDIA

25/10/16 – IL CASO DI TIEMME SPA

25/10/16 – L’ESEMPIO DI SIA SRL

25/10/16 – IL CASO DI GAIA SPA