Le buone pratiche della formazione: Consorzio Prodest

27 febbraio 2019

Prosegue la rubrica dedicata a “le buone pratiche della formazione”, uno spazio della nostra newsletter che periodicamente Fonservizi dedica alle aziende aderenti. Si tratta di un diario periodico nel quale annotare e dare evidenza ad esperienze di formazione alle quali aziende e lavoratori hanno preso parte grazie al riconoscimento di finanziamenti da parte del fondo.
In questo numero segnaliamo l’esperienza di “Consorzio Prodest” di Milano, azienda che opera dal 1986 nel settore della sicurezza integrata, gestendo servizi di reception/portierato, servizi investigativi, antincendio e gestione delle emergenze, servizi hostess e steward, organizzati in base alle esigenze delle aziende clienti.
Prodest Group opera su tutto il territorio nazionale ed è costituito da società consorziate, ciascuna con una propria struttura organizzativa, che aderisce alle direttrici del Consorzio per quanto riguarda i criteri di gestione del personale e l’approccio commerciale.
Prodest attualmente con i suoi 500 dipendenti garantisce il presidio di oltre 100 postazioni, tutti i giorni dell’anno per 24 ore al giorno. Tra i tanti servizi offerti anche la gestione di sistemi di Videosorveglianza e Telesorveglianza.
Con il piano formativo codice CFA 162 2017, presentato a Fonservizi a valere sul Conto Formazione Aziendale, e premiato nell’evento dedicato alle “Buone pratiche della formazione” Prodest Group ha iniziato un percorso di formazione sui temi della sicurezza.
Tutte le attività didattiche sono state erogate prevedendo una modalità di fruizione frontale in aula, integrata da esercitazioni pratiche con diretto riferimento all’operatività aziendale.
Il piano formativo ha previsto il coinvolgimento di 39 lavoratori e sono state erogate in totale 56 ore di docenza.
La formazione si è configurata come un momento di condivisione della mission aziendale, non solo quindi l’adempimento di quanto previsto dalla normativa vigente in termini di Sicurezza, ma soprattutto un approccio all’attività lavorativa più sistemico e dinamico.

ARCHIVIO ARTICOLI LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE
22/03/19 – Le buone pratiche della formazione: il caso di Santa Maria del Castello Onlus

24/01/19 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ACSM AGAM SPA

18/12/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI A.AM.P.S. LIVORNO

20/11/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI C.T.I. A.T.I. GRUPPO A.IR. S.P.A.

18/06/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DEL COMUNE DI MESSINA

29/05/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: L CASO DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE DELLA REGIONE LOMBARDIA

15/02/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: L’ESPERIENZA SMAT

31/01/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. CARBOIL

4/12/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. ATM Milano

31/10/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. MAR. Srl

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI MOM – MOBILITA’ DI MARCA

26/07/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI INFRATRASPORTI TORINO

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ACQUA NOVARA VCO

15/05/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO ATENA SpA

4/04/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI SETA SpA

13/03/17 – IL CASO CTM CAGLIARI

28/02/17 – IL CASO DI “ LA GARDENIA SRL”

1/02/17 – IL CASO APT GORIZIA

28/12/16 – IL CASO DI ASA SPA

28/11/16 – L’ESEMPIO DEL COMUNE DI MILITELLO DI CATANIA

26/10/16 – L’ATTIVITÀ DI ASTI SERVIZI PUBBLICI

26/10/16 – IL CASO DI ASIA NAPOLI

25/10/16 – IL CASO DI IAL LOMBARDIA

25/10/16 – IL CASO DI TIEMME SPA

25/10/16 – L’ESEMPIO DI SIA SRL

25/10/16 – IL CASO DI GAIA SPA