Le buone pratiche della formazione: il caso delle scuole campane

22 luglio 2020

Continua la rubrica dedicata a “le buone pratiche della formazione”, uno spazio della nostra newsletter che periodicamente Fonservizi dedica alle aziende aderenti. Si tratta di un diario nel quale annotare e dare evidenza ad esperienze di formazione alle quali aziende e lavoratori hanno preso parte grazie al riconoscimento di finanziamenti da parte del Fondo.
In questo numero segnaliamo il piano formativo codice avv022018 019 finanziato da Fonservizi attraverso l’Avviso 02_2018.
Protagoniste di questo piano settoriale dal titolo “Sviluppo e competitività per le scuole Campane” sono 4 scuole paritarie: I CIGNI Soc. Coop., l’Associazione PRIMAVERA DI BIMBI, FANTASILANDIA e il SOLE.
La scuola dell’infanzia I CIGNI Soc. Coop. è tra le realtà scolastiche più consolidate e storiche del territorio di Quarto in provincia di Napoli. La scuola è organizzata in più sezioni dedicate al nido, all’infanzia e alla preparazione per le classi elementari; offre inoltre servizi di mensa, trasporto, doposcuola, campo estivo e laboratori extracurriculari.
L’Associazione PRIMAVERA DI BIMBI è una scuola per l’infanzia con sede a Torre Annunziata (NA), svolge attività d’istruzione/educazione con gli obiettivi di educare potenziando atteggiamenti di rispetto verso l’ambiente naturale, sociale e antropico, favorire lo sviluppo di nuove competenze, favorire il confronto con realtà sociali e ambientali diverse, favorire nei bambini la maturazione dell’identità e della conquista dell’autonomia.
La scuola dell’infanzia FANTASILANDIA e la scuola il SOLE operano in provincia di Napoli, a Volla ed Acerra. Entrambe le strutture si avvalgono di insegnanti/educatrici professionali ed attrezzature ludiche di vario tipo. Forniscono una variegata offerta di iniziative ed attività mirate a soddisfare i bisogni del mondo infantile.
Il Piano formativo finanziato da Fonservizi intende contribuire allo sviluppo del settore istruzione, che costituisce uno dei servizi di pubblica utilità più strategici per la cittadinanza, incidendo sulle performance del personale scolastico ed assicurando, al contempo, la competitività e l’efficienza delle scuole e l’innesco di un processo di cambiamento, sviluppo e di supporto all’adeguamento delle competenze degli operatori, necessario per essere in linea con i processi di cambiamento che investono il settore scuola.
Il riconoscimento della parità scolastica ha inserito la scuola paritaria nel sistema nazionale di istruzione, garantendo l’equiparazione dei diritti e dei doveri degli studenti, le medesime modalità di svolgimento degli esami di Stato, l’assolvimento dell’obbligo di istruzione, l’abilitazione a rilasciare titoli di studio aventi valore legale e, più in generale, ha impegnato le scuole paritarie a contribuire alla realizzazione della finalità di istruzione ed educazione che la Costituzione assegna alla scuola. Tuttavia le scuole paritarie sono escluse dalla possibilità di ricevere incentivi ministeriali alla formazione continua per valorizzare le competenze professionali degli insegnanti, pertanto il piano formativo finanziato da Fonservizi ha rappresentato un’occasione fondamentale di crescita per le professionalità coinvolte nei vari contesti scolastici che vi hanno preso parte. Le materie affrontate nel piano formativo, per un totale di 252 ore di didattica, sono: Inglese applicato alla didattica, team building, comunicazione scuola famiglia, relazione insegnanti genitori, comunicazione esterna ed interna.
Il piano formativo “Sviluppo e competitività per le scuole campane” è stato progettato ed erogato dalla società di formazione Consvip s.c. a r.l. con l’obiettivo di rispondere alle esigenze delle scuole e del personale scolastico beneficiario della formazione. Le attività formative sono state configurate al fine di potenziare, all’interno degli istituti coinvolti, un clima di serena collaborazione tra i docenti, di aumentare il senso di appartenenza, di migliorare il rapporto con i genitori e le famiglie, favorendo una comunicazione più efficace. La costruzione del piano formativo e delle azioni in esso contenute è il risultato di attività di coprogettazione e concertazione interna alle scuole, promosse dalla società Consvip s.c. a r.l., che hanno visto il coinvolgimento diretto del personale scolastico beneficiario dell’intervento. Tutto ciò mette in luce l’approccio metodologico utilizzato dall’ente presentatore ed attuatore e la lungimiranza delle istituzioni scolastiche coinvolte, che consentirà alle stesse di porsi in maniera più consapevole ed educativamente matura, con attenzione alle esigenze degli operatori, dei bambini e delle loro famiglie, sviluppando un rapporto di coesione con i territori di appartenenza ed agendo negli stessi come perno culturale e di interscambio continuo, ponendo al proprio interno il principio educativo che nessuno esclude, in primis i propri lavoratori, al fine di renderli più consapevoli e coinvolti nelle scelte didattiche e organizzative sviluppate.

Questo articolo è stato redatto con il contributo del Dott. Raffaele Fabbrocini Presidente CONSVIP S.c.a R.L.

ARCHIVIO ARTICOLI LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE
15/10/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI METALSUN SRL

15/09/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI FIUMICINO TRIBUTI S.P.A.

09/06/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DOTTOR SORRISO ONLUS

04/05/20 LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI EURO.MED., FA.MA. SOC.COOP.SOC. E LA PERGOLA SOC.COOP.SOC.

08/04/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI CASA SPA, SPES S.C.R.L., APES S.C.P.A. E SOCIETA’ RISORSE SO.RI. SPA

11/03/2020 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI VILLA TORRI HOSPITAL

22/03/19 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI SANTA MARIA DEL CASTELLO ONLUS

27/02/19 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: CONSORZIO PRODEST

24/01/19 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ACSM AGAM SPA

18/12/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI A.AM.P.S. LIVORNO

20/11/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI C.T.I. A.T.I. GRUPPO A.IR. S.P.A.

18/06/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DEL COMUNE DI MESSINA

29/05/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: L CASO DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE DELLA REGIONE LOMBARDIA

15/02/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: L’ESPERIENZA SMAT

31/01/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. CARBOIL

4/12/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. ATM Milano

31/10/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. MAR. Srl

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI MOM – MOBILITA’ DI MARCA

26/07/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI INFRATRASPORTI TORINO

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ACQUA NOVARA VCO

15/05/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO ATENA SpA

4/04/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI SETA SpA

13/03/17 – IL CASO CTM CAGLIARI

28/02/17 – IL CASO DI “ LA GARDENIA SRL”

1/02/17 – IL CASO APT GORIZIA

28/12/16 – IL CASO DI ASA SPA

28/11/16 – L’ESEMPIO DEL COMUNE DI MILITELLO DI CATANIA

26/10/16 – L’ATTIVITÀ DI ASTI SERVIZI PUBBLICI

26/10/16 – IL CASO DI ASIA NAPOLI

25/10/16 – IL CASO DI IAL LOMBARDIA

25/10/16 – IL CASO DI TIEMME SPA

25/10/16 – L’ESEMPIO DI SIA SRL

25/10/16 – IL CASO DI GAIA SPA