Le buone pratiche della formazione: il caso di A.AM.P.S. Livorno

18 dicembre 2018

Prosegue la rubrica dedicata a “le buone pratiche della formazione”, uno spazio della nostra newsletter che periodicamente Fonservizi dedica alle aziende aderenti. Si tratta di un diario nel quale annotare e dare evidenza ad esperienze di formazione alle quali aziende e lavoratori hanno preso parte grazie al riconoscimento di finanziamenti da parte del fondo. In questo numero segnaliamo la positiva esperienza di A.AM.P.S. S.p.A., la società di servizi ambientali del Comune di Livorno. La società, partecipata al 100% dalla stessa Amministrazione Comunale, gestisce il ciclo integrato dei rifiuti urbani e speciali assimilabili e la raccolta su tutto il territorio del Comune. In particolare le attività svolte dall’azienda sono riconducibili: alla gestione integrata del ciclo di rifiuti, al trasporto rifiuti pericolosi e non pericolosi, a servizi di derattizzazione, disinfestazione e disinfezione ed alla gestione degli impianti di termovalorizzazione e di stoccaggio di rifiuti differenziati.

La pianta organica del personale prevede circa 300 dipendenti di cui 150 dedicati ai servizi operativi di raccolta dei rifiuti e circa 70 alla gestione dei vari impianti dell’azienda.

A.AM.P.S., consapevole della grande responsabilità nei confronti dei cittadini e del proprio personale, oltre a garantire alla città e ai suoi abitanti elevati standard di servizio, si impegna a ricercare la massima efficienza, nel rispetto della tutela dell’ambiente e della sicurezza.

Consapevole dell’importanza del coinvolgimento del proprio personale nel raggiungimento degli obiettivi aziendali, A.AM.P.S. Spa ha sviluppato un percorso di crescita e sviluppo delle risorse umane anche attraverso un programma di formazione e sensibilizzazione continua per lo sviluppo delle competenze necessarie a garantire l’efficacia del servizio e la piena consapevolezza dei dipendenti circa l’impatto della propria attività sui livelli di servizio resi.

L’azienda, attualmente impegnata nella riorganizzazione del servizio di raccolta per garantire il rispetto degli obiettivi di RD, ha puntato sullo strumento del Conto Formazione Aziendale di Fonservizi, con la realizzazione di una serie di percorsi formativi riconducibili alle seguenti macro-tematiche:

A. sviluppo delle competenze informatiche

B. potenziamento di competenze in materia di comunicazione e gestione del cliente/utente

C. potenziamento degli aspetti giuridici ed organizzativi

D. competenze in ambito Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro

In particolare il piano formativo CFA 054 2017, premiato da Fonservizi come esempio di buona pratica della formazione, ha come finalità quella di consentire a tutto il personale coinvolto, l’acquisizione delle conoscenze e competenze necessarie per ideare, proporre ed attuare nuove strategie di impresa che garantiscano, in un’ottica di riorganizzazione aziendale, il raggiungimento degli obiettivi di innovazione dei processi di gestione, razionalizzazione dei costi e miglioramento della qualità dei servizi erogati.

Il fondo Fonservizi è stato uno strumento fondamentale per sviluppare i programmi formativi necessari all’ azienda in questa fase di riorganizzazione: un’opportunità che AAMPS ha saputo cogliere e sviluppare.

ARCHIVIO ARTICOLI LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE
22/03/19 – Le buone pratiche della formazione: il caso di Santa Maria del Castello Onlus

27/02/19 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: CONSORZIO PRODEST

24/01/19 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ACSM AGAM SPA

20/11/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI C.T.I. A.T.I. GRUPPO A.IR. S.P.A.

18/06/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DEL COMUNE DI MESSINA

29/05/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: L CASO DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE DELLA REGIONE LOMBARDIA

15/02/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: L’ESPERIENZA SMAT

31/01/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. CARBOIL

4/12/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. ATM Milano

31/10/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. MAR. Srl

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI MOM – MOBILITA’ DI MARCA

26/07/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI INFRATRASPORTI TORINO

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ACQUA NOVARA VCO

15/05/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO ATENA SpA

4/04/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI SETA SpA

13/03/17 – IL CASO CTM CAGLIARI

28/02/17 – IL CASO DI “ LA GARDENIA SRL”

1/02/17 – IL CASO APT GORIZIA

28/12/16 – IL CASO DI ASA SPA

28/11/16 – L’ESEMPIO DEL COMUNE DI MILITELLO DI CATANIA

26/10/16 – L’ATTIVITÀ DI ASTI SERVIZI PUBBLICI

26/10/16 – IL CASO DI ASIA NAPOLI

25/10/16 – IL CASO DI IAL LOMBARDIA

25/10/16 – IL CASO DI TIEMME SPA

25/10/16 – L’ESEMPIO DI SIA SRL

25/10/16 – IL CASO DI GAIA SPA