Le buone pratiche della formazione: il caso di DI. MAR. srl

31 ottobre 2017

Segnaliamo la positiva esperienza di DI. MAR. srl, proprietaria del marchio “Sapore di Mare”. E’ l’impresa che dà voce alla passione e all’intraprendenza di quattro soci fondatori animati da una chiara missione: portare il buono del nostro mare, sempre intatto, fresco e profumato in tavola ogni giorno. Il ‘‘Congelato fresco’’ è la formula vincente. Il pesce viene congelato appena pescato dai pescherecci con i più efficienti sistemi di congelamento: così si preservano gusto e genuinità della freschezza. La qualità del pesce “Sapore di Mare” deriva dall’accurata selezione dei prodotti, dai rigidi presidi di controllo nelle varie fasi di lavorazione e da una efficiente distribuzione in grado di garantire sempre il mantenimento della catena del freddo. Il marchio ‘‘Sapore di Mare’’ è oggi diffuso su tutto il territorio italiano attraverso una catena di negozi in franchising: oltre 90 punti vendita. La D.I.MAR attribuisce alla formazione un ruolo fondamentale per la valorizzazione delle persone e la progettazione dell’organizzazione in cui le stesse operano. La formazione è intesa, non solo come bagaglio di abilità e competenze tecnico-professionali (il saper fare) ma anche come “cultura” funzionale ad un arricchimento dell’organizzazione (il saper essere).
Con il piano formativo 040/2015, premiato lo scorso 12 aprile come buona pratica di formazione, DI. MAR. si è data i seguenti obiettivi:
– diffondere la cultura della sicurezza sia per un rispetto della norma che per incidere profondamente sui comportamenti dei suoi operatori affinché venga ridotto il rischio di infortunio;
– rafforzare le competenze dei manager ampliando le conoscenze in ambito della qualità dei prodotti e sicurezza alimentare, del codice etico e sistema disciplinare, e sulla normativa relativa al d.lgs. 231/2001 modello 231 di organizzazione adottato dalla società; casi giurisprudenziali, ruolo e compiti dell’ODV organismo di vigilanza.
In questo intervento formativo l’attività di progettazione, gestione e di rendicontazione è stata supportata dalla società E.N.F.A.P. MARCHE (ente formativo accreditato). In totale sono stati coinvolti nelle attività formative 245 lavoratori per un monte ore totale di formazione pari a 940 ore.
Gli obiettivi per i lavoratori sono stati ambiziosi: – Migliorare le proprie performance nell’esercizio della prestazione;
– Migliorare la propria condizione professionale;
– Aumentare il proprio grado di occupabilità;
– Ridurre il rischio di obsolescenza delle competenze;
– Ridurre il rischio dell’espulsione dal mercato del lavoro;
Il piano, condiviso con le parti sociali, ha trovato un vivo interesse da parte di tutti i partecipanti, non solo per la capacità di includere la quasi totalità dei lavoratori a tutti i livelli ma anche e soprattutto per la capacità di supportare l’intera azienda in un percorso di crescita e innovazione.

ARCHIVIO ARTICOLI LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE
18/06/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DEL COMUNE DI MESSINA

29/05/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: L CASO DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE DELLA REGIONE LOMBARDIA

15/02/2018 LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: L’ESPERIENZA SMAT

33/01/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. CARBOIL

4/12/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. ATM Milano

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI MOM – MOBILITA’ DI MARCA

26/07/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI INFRATRASPORTI TORINO

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ACQUA NOVARA VCO

15/05/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO ATENA SpA

4/04/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI SETA SpA

13/03/17 – IL CASO CTM CAGLIARI

28/02/17 – IL CASO DI “ LA GARDENIA SRL”

1/02/17 – IL CASO APT GORIZIA

28/12/16 – IL CASO DI ASA SPA

28/11/16 – L’ESEMPIO DEL COMUNE DI MILITELLO DI CATANIA

26/10/16 – L’ATTIVITÀ DI ASTI SERVIZI PUBBLICI

26/10/16 – IL CASO DI ASIA NAPOLI

25/10/16 – IL CASO DI IAL LOMBARDIA

25/10/16 – IL CASO DI TIEMME SPA

25/10/16 – L’ESEMPIO DI SIA SRL

25/10/16 – IL CASO DI GAIA SPA