LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI EURO.MED., FA.MA. SOC.COOP.SOC. E LA PERGOLA SOC.COOP.SOC.

4 maggio 2020

Continua la rubrica dedicata a “le buone pratiche della formazione”, uno spazio della nostra newsletter che periodicamente Fonservizi dedica alle aziende aderenti. Si tratta di un diario nel quale annotare e dare evidenza ad esperienze di formazione alle quali aziende e lavoratori hanno preso parte grazie al riconoscimento di finanziamenti da parte del fondo.
In questo numero segnaliamo il piano formativo codice avv022018 063 finanziato da Fonservizi attraverso l’avviso 02_2018.
Protagoniste di questo piano settoriale dal titolo “Competenze per il sociale” sono 3 aziende del comparto socio sanitario che operano nel campo dell’accoglienza, offrendo servizi socio-assistenziali ed educativi a soggetti in condizioni di disagio sociale.
In particolare il piano formativo è stato presentato dalla Fondazione ITS Servizi alle Imprese, per i dipendenti di EURO. MED. Srl, FA.MA. Società Cooperativa Sociale e LA PERGOLA Società Cooperativa Sociale. Le 3 società hanno complessivamente in organico 22 dipendenti e da molti anni svolgono con successo, in collaborazione con le amministrazioni locali, un ruolo proattivo volto all’inclusione sociale di soggetti in difficoltà, anche e soprattutto immigrati, presenti prevalentemente sul territorio della Regione Lazio.
Nell’ultimo anno, le 3 società hanno visto notevolmente evolversi il contesto normativo nazionale e sociale di riferimento. L’inasprimento delle politiche legate all’accoglienza ha decretato una netta riduzione dei soggetti bisognosi di tutela presenti sul territorio regionale, nonché la riduzione delle azioni finanziabili a supporto dell’inclusione sociale e dell’orientamento al lavoro nella prospettiva dell’integrazione. Le tre cooperative hanno definito un piano di ristrutturazione e potenziamento congiunto, con i seguenti obiettivi:
– Consolidare l’eccellenza dei centri di accoglienza, per mantenerne visibilità e riconoscibilità; – Migliorare la performance del centro mamme con bambino, ancora in fase di sviluppo; – Implementare il progetto Convitto Semi-residenziale.
Alla luce degli obiettivi individuati, il piano formativo ha previsto l’articolazione di 6 corsi, così strutturati: 1. “Fondamenti sulla violenza di genere e situazione dei disagi”, della durata di 30 ore 2. “Fondamenti Normativi e iter legale presa in carico mamme con bambino, minori, richiedenti asilo e e/o art 18”, della durata di 6 ore 3. “Pediatria, puericoltura e primo soccorso pediatrico”, della durata di 8 ore 4. “Aggiornamento competenze per gestione banca dati”, della durata di 4 ore 5. “Elementi di lingua inglese”, della durata di 30 ore 6. “Formazione/informazione generale e specifica – rischio alto”, della durata di 16 ore
Per la realizzazione del presente progetto, la Fondazione ITS Servizi alle Imprese ha elaborato un modello formativo che affianca, alle attività didattiche vere e proprie, una serie di attività propedeutiche e di supporto che hanno lo scopo di tarare i percorsi sulle reali esigenze dei partecipanti e di aiutarli a sviluppare capacità di autoanalisi e di consapevolezza rispetto alle conoscenze e alle competenze in loro possesso. Le attività didattiche si sono da poco concluse. Hanno determinato uno sviluppo degli esiti attesi in linea con quanto definito in fase di progettazione, impattando sulla brand reputation and identity, nonché determinando una maggiore consapevolezza, da parte del personale delle aziende coinvolte nel piano formativo, del valore aggiunto della formazione, sia in termini di maggiori competenze acquisite che in termini di impatto aziendale. Sotto un profilo economico-aziendale, infatti, l’azione formativa ha incrementato il livello di produttività del personale stesso, riducendo i tempi unitari per prestazione socio-sanitaria da parte degli operatori, permettendo loro di arricchire di contenuti e di empatia le relazioni con le utenze caratterizzate da disagio sociale.

Questo articolo è stato redatto dal Dott. Claudio Senigagliesi, Presidente ITS Servizi alle Imprese.

ARCHIVIO ARTICOLI LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE
22/07/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DELLE SCUOLE CAMPANE

09/06/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DOTTOR SORRISO ONLUS

08/04/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI CASA SPA, SPES S.C.R.L., APES S.C.P.A. E SOCIETA’ RISORSE SO.RI. SPA

11/03/2020 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI VILLA TORRI HOSPITAL

22/03/19 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI SANTA MARIA DEL CASTELLO ONLUS

27/02/19 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: CONSORZIO PRODEST

24/01/19 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ACSM AGAM SPA

18/12/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI A.AM.P.S. LIVORNO

20/11/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI C.T.I. A.T.I. GRUPPO A.IR. S.P.A.

18/06/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DEL COMUNE DI MESSINA

29/05/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: L CASO DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE DELLA REGIONE LOMBARDIA

15/02/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: L’ESPERIENZA SMAT

31/01/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. CARBOIL

4/12/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. ATM Milano

31/10/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. MAR. Srl

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI MOM – MOBILITA’ DI MARCA

26/07/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI INFRATRASPORTI TORINO

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ACQUA NOVARA VCO

15/05/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO ATENA SpA

4/04/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI SETA SpA

13/03/17 – IL CASO CTM CAGLIARI

28/02/17 – IL CASO DI “ LA GARDENIA SRL”

1/02/17 – IL CASO APT GORIZIA

28/12/16 – IL CASO DI ASA SPA

28/11/16 – L’ESEMPIO DEL COMUNE DI MILITELLO DI CATANIA

26/10/16 – L’ATTIVITÀ DI ASTI SERVIZI PUBBLICI

26/10/16 – IL CASO DI ASIA NAPOLI

25/10/16 – IL CASO DI IAL LOMBARDIA

25/10/16 – IL CASO DI TIEMME SPA

25/10/16 – L’ESEMPIO DI SIA SRL

25/10/16 – IL CASO DI GAIA SPA