Le buone pratiche della formazione: il caso di Infratrasporti Torino 26 Luglio 2017

26 luglio 2017

Prosegue la rubrica dedicata a “le buone pratiche della formazione”, uno spazio della nostra newsletter che periodicamente Fonservizi dedica alle aziende aderenti. Si tratta di un diario nel quale annotare e dare evidenza ad esperienze di formazione alle quali aziende e lavoratori hanno preso parte grazie al riconoscimento di finanziamenti da parte del fondo. In questo numero segnaliamo la positiva esperienza di Infratrasporti.To S.r.l., una società di proprietà della Città di Torino a socio unico.
La società ha per oggetto la proprietà e la gestione delle infrastrutture, nonché le attività di engineering, di progettazione, di costruzione e sviluppo impianti, sistemi e infrastrutture, anche ferroviari, per i sistemi di trasporto delle persone e delle merci, sia pubblici che privati, nell’ambito di quanto previsto dalla normativa vigente per le società a totale partecipazione pubblica.
Tra i beni patrimoniali conferiti dalla città di Torino a Infra.To si segnalano la linea 1 della Metropolitana Automatica di Torino (13,2 km), e le linea tramviarie 4 e 16.
L’adesione a Fonservizi e l’attivazione del Conto Formazione Aziendale risalgono al 2012.
Da allora ad oggi Infra.To ha presentato 9 Piani formativi, di cui 8 individuali e 1 aziendale.
“Ci rende molto orgogliosi e ci fa molto piacere che il Piano CFA 086/2015” – dice l’arch. Giovanni Currado, Amministratore Unico di Infra.To – “sia stato oggetto di premiazione il 12 aprile 2017 in occasione dell’appuntamento annuale con cui Fonservizi valorizza e dà risonanza alle buone pratiche della formazione”.
“La nostra è un’ azienda di piccole dimensioni seppur con un organico in via di potenziamento in vista delle prossime attività che andremo a svolgere nell’ambito degli investimenti previsti sul sistema infrastrutturale dei trasporti della città di Torino. Proprio in quest’ottica di continuo miglioramento delle professionalità interne ad Infra.To, il conto formazione di Fonservizi – prosegue Currado – si è rivelato uno strumento particolarmente efficace per la soddisfazione dei fabbisogni formativi di un’ impresa come la nostra.
“Le regole chiare e semplici che contraddistinguono il Conto Formazione sommate alla facilità di comunicazione con i responsabili e alla rapidità nei rimborsi – conclude Giovanni Currado – contribuiscono a renderlo uno strumento fondamentale per lo sviluppo dei futuri piani formativi di Infra.To”.

ARCHIVIO ARTICOLI LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI MOM – MOBILITA’ DI MARCA

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ACQUA NOVARA VCO

15/05/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO ATENA SpA

4/04/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI SETA SpA

13/03/17 – IL CASO CTM CAGLIARI

28/02/17 – IL CASO DI “ LA GARDENIA SRL”

1/02/17 – IL CASO APT GORIZIA

28/12/16 – IL CASO DI ASA SPA

28/11/16 – L’ESEMPIO DEL COMUNE DI MILITELLO DI CATANIA

26/10/16 – L’ATTIVITÀ DI ASTI SERVIZI PUBBLICI

26/10/16 – IL CASO DI ASIA NAPOLI

25/10/16 – IL CASO DI IAL LOMBARDIA

25/10/16 – IL CASO DI TIEMME SPA

25/10/16 – L’ESEMPIO DI SIA SRL

25/10/16 – IL CASO DI GAIA SPA