Le buone pratiche della formazione: il caso di Maria Cecilia Hospital

17 novembre 2020

Continua la rubrica dedicata a “le buone pratiche della formazione”, uno spazio della nostra newsletter che periodicamente Fonservizi dedica alle aziende aderenti. Si tratta di un diario nel quale annotare e dare evidenza ad esperienze di formazione alle quali aziende e lavoratori hanno preso parte grazie al riconoscimento di finanziamenti da parte del Fondo.
In questo numero segnaliamo la positiva esperienza di Maria Cecilia Hospital, con particolare riferimento al piano formativo codice avv022018053, finanziato da Fonservizi a valere sull’avviso 02_2018.
Maria Cecilia Hospital fa parte di GVM Care & Research, uno dei principali gruppi ospedalieri italiani, attivo nei settori della sanità, ricerca e formazione medico-scientifica, benessere e cure termali, ospitalità alberghiera, industria biomedicale e servizi alle imprese. Cuore del Gruppo è la rete integrata di Ospedali di Alta Specialità, Polispecialistici, e Day Surgery con poliambulatorio privato: un network di strutture e competenze professionali presente in 10 regioni italiane che si estende anche in Francia, Polonia, Ucraina, Albania e Russia. Una lunga tradizione ha portato GVM Care & Research ad accreditarsi come partner del Sistema Sanitario Nazionale pubblico e come polo d’eccellenza, in particolare per il trattamento delle patologie cardiovascolari, rivolgendo sempre di più la sua attenzione alla dignità del malato e giungendo a ideare tecniche diagnostiche e chirurgiche sempre meno invasive, a fianco di protocolli terapeutici su misura del paziente. La mission del gruppo si basa sulla centralità della persona, declinata in alcuni principi fondamentali tra cui l’informazione chiara e corretta sullo stato di salute e sulle terapie del paziente, il rispetto della persona con particolare attenzione alle abitudini di vita, ai suoi ritmi e alla privacy, nella riduzione al minimo dei tempi di attesa e delle formalità; l’importanza del rapporto umano, con il personale del gruppo impegnato a realizzare un ambiente ospitale e familiare, valorizzando le relazioni interpersonali, in particolare quella personale sanitario-paziente.
L’elevato livello professionale dell’intera équipe è valorizzato e sostenuto dal Gruppo, attraverso periodici corsi di formazione e aggiornamento.
Il Piano Formativo previsto per l’avviso 02_2018 è il risultato complessivo delle risposte formative date ai bisogni espressi dagli operatori in relazione agli obiettivi aziendali e regionali individuati dalla Direzione, insieme agli obiettivi nazionali previsti dal sistema ECM.
L’aspetto critico delle professioni sanitarie è l’empatia. In questo piano si sono voluti introdurre i corsi di MBSR (Mindfulness Based Stress Reduction), che come documentato dalla letteratura scientifica, continuano a dimostrare di essere un promettente intervento per ridurre lo stress e facilitare un miglior adattamento all’ambiente lavorativo ed alla relazione con l’altro. Il piano formativo, partito a luglio 2019 è in piena attuazione e prevede l’erogazione di 18 corsi replicati in più edizioni per un totale di 236 ore di formazione rivolte complessivamente a 150 dipendenti. Il piano formativo si sviluppa su tre tematiche che riassumono il fabbisogno emerso:
– sviluppo delle abilità personali che avranno l’obiettivo di sensibilizzare l’operatore rispetto a tematiche connesse alla componente relazionale, al rapporto individuale con gli utenti, i famigliari ed i colleghi, alla gestione dei momenti critici e dell’evento avverso ed allo sviluppo della consapevolezza del proprio ruolo, delle proprie mansioni e responsabilità.
– Tecniche, tecnologie e metodologie per l’erogazione dei servizi sanitari che avranno l’obiettivo di sviluppare e consolidare competenze e conoscenze relative alle attività socio sanitarie ed alle procedure applicate per giungere alla creazione e condivisione di protocolli e procedure operative condivise.
– Risk Management

Questo articolo è stato redatto con il contributo della Dott.ssa Enrica Dal Fiume, Responsabile della formazione di GVM Care & Research

ARCHIVIO ARTICOLI LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE

15/10/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI METALSUN SRL

15/09/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI FIUMICINO TRIBUTI S.P.A.

22/07/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DELLE SCUOLE CAMPANE

09/06/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DOTTOR SORRISO ONLUS

04/05/20 LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI EURO.MED., FA.MA. SOC.COOP.SOC. E LA PERGOLA SOC.COOP.SOC.

08/04/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI CASA SPA, SPES S.C.R.L., APES S.C.P.A. E SOCIETA’ RISORSE SO.RI. SPA

11/03/2020 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI VILLA TORRI HOSPITAL

22/03/19 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI SANTA MARIA DEL CASTELLO ONLUS

27/02/19 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: CONSORZIO PRODEST

24/01/19 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ACSM AGAM SPA

18/12/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI A.AM.P.S. LIVORNO

20/11/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI C.T.I. A.T.I. GRUPPO A.IR. S.P.A.

18/06/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DEL COMUNE DI MESSINA

29/05/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: L CASO DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE DELLA REGIONE LOMBARDIA

15/02/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: L’ESPERIENZA SMAT

31/01/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. CARBOIL

4/12/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. ATM Milano

31/10/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. MAR. Srl

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI MOM – MOBILITA’ DI MARCA

26/07/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI INFRATRASPORTI TORINO

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ACQUA NOVARA VCO

15/05/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO ATENA SpA

4/04/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI SETA SpA

13/03/17 – IL CASO CTM CAGLIARI

28/02/17 – IL CASO DI “ LA GARDENIA SRL”

1/02/17 – IL CASO APT GORIZIA

28/12/16 – IL CASO DI ASA SPA

28/11/16 – L’ESEMPIO DEL COMUNE DI MILITELLO DI CATANIA

26/10/16 – L’ATTIVITÀ DI ASTI SERVIZI PUBBLICI

26/10/16 – IL CASO DI ASIA NAPOLI

25/10/16 – IL CASO DI IAL LOMBARDIA

25/10/16 – IL CASO DI TIEMME SPA

25/10/16 – L’ESEMPIO DI SIA SRL

25/10/16 – IL CASO DI GAIA SPA