Le buone pratiche della formazione: il caso di Metalsun Srl

15 ottobre 2020

Continua la rubrica dedicata a “le buone pratiche della formazione”, uno spazio della nostra newsletter che periodicamente Fonservizi dedica alle aziende aderenti. Si tratta di un diario nel quale annotare e dare evidenza ad esperienze di formazione alle quali aziende e lavoratori hanno preso parte grazie al riconoscimento di finanziamenti da parte del Fondo.
In questo numero segnaliamo il piano formativo codice Avv022018 061 finanziato da Fonservizi attraverso l’Avviso 02/2018.
Il Piano è intitolato “Specializzazione professionale e competitività in METALSUN Srl” e vede in formazione 13 lavoratori per un totale di 156 ore di didattica. L’azienda beneficiaria è Metalsun Srl, un’impresa specializzata nella progettazione, produzione e commercializzazione di profilati e serramenti. L’azienda inizia la sua attività nel 1996 rimanendo fin dagli inizi al passo con le innovazioni tecnologiche che caratterizzano il settore. In particolare la sfida dell’innovazione viene colta con l’ampliamento della produzione di infissi in alluminio, legno, PVC e vetrate panoramiche.
Emerge quindi la necessità di formare il personale dedicato sia alle linee produttive che al settore commerciale e di marketing, considerando che il settore degli infissi è interessato fortemente dai temi della sostenibilità ambientale e dell’efficientamento energetico delle abitazioni.
Il piano formativo risponde agli obiettivi di innovazione del settore e propone lo sviluppo di un programma di interventi sinergici fondati sulla valorizzazione delle abilità dei lavoratori, le quali rappresentano il driver centrale di creazione di valore. Attraverso il piano formativo l’azienda si è data l’obiettivo di accrescere le competenze utili ad incrementare la qualità dell’offerta, la soddisfazione dei clienti e il valore del prodotto finale.
Nel dettaglio il piano formativo finanziato da Fonservizi è stato progettato da LT Formazione, ente accreditato per la formazione continua che offre consulenza nell’individuazione dei fabbisogni formativi in azienda e nell’erogazione della formazione. Tra gli obiettivi del piano formativo:
– sviluppare le competenze dei lavoratori;
– individuare e applicare soluzioni di reingegnerizzazione dei processi;
– sviluppare l’integrazione inter-funzionale delle unità di lavoro (progettazione, organizzazione, esecuzione) supportate da sistemi informatici;
– ottimizzare le attività di produzione, riducendo il più possibile la produzione di scarti e il fabbisogno energetico;
– sviluppare metodi di analisi e studio delle caratteristiche interne e dei mercati di riferimento per impostare strategie di marketing commerciale che rafforzino l’identità dell’impresa.
Le attività didattiche sono state erogate in parte e hanno determinato uno sviluppo degli esiti attesi in linea con quanto definito in fase di progettazione e soprattutto una maggiore consapevolezza, da parte del personale coinvolto nel piano formativo, del valore aggiunto della formazione, sia in termini di maggiori competenze acquisite che in termini di impatto aziendale.

metalsun

ARCHIVIO ARTICOLI LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE

15/09/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI FIUMICINO TRIBUTI S.P.A.

22/07/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DELLE SCUOLE CAMPANE

09/06/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DOTTOR SORRISO ONLUS

04/05/20 LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI EURO.MED., FA.MA. SOC.COOP.SOC. E LA PERGOLA SOC.COOP.SOC.

08/04/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI CASA SPA, SPES S.C.R.L., APES S.C.P.A. E SOCIETA’ RISORSE SO.RI. SPA

11/03/2020 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI VILLA TORRI HOSPITAL

22/03/19 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI SANTA MARIA DEL CASTELLO ONLUS

27/02/19 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: CONSORZIO PRODEST

24/01/19 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ACSM AGAM SPA

18/12/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI A.AM.P.S. LIVORNO

20/11/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI C.T.I. A.T.I. GRUPPO A.IR. S.P.A.

18/06/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DEL COMUNE DI MESSINA

29/05/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: L CASO DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE DELLA REGIONE LOMBARDIA

15/02/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: L’ESPERIENZA SMAT

31/01/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. CARBOIL

4/12/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. ATM Milano

31/10/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. MAR. Srl

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI MOM – MOBILITA’ DI MARCA

26/07/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI INFRATRASPORTI TORINO

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ACQUA NOVARA VCO

15/05/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO ATENA SpA

4/04/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI SETA SpA

13/03/17 – IL CASO CTM CAGLIARI

28/02/17 – IL CASO DI “ LA GARDENIA SRL”

1/02/17 – IL CASO APT GORIZIA

28/12/16 – IL CASO DI ASA SPA

28/11/16 – L’ESEMPIO DEL COMUNE DI MILITELLO DI CATANIA

26/10/16 – L’ATTIVITÀ DI ASTI SERVIZI PUBBLICI

26/10/16 – IL CASO DI ASIA NAPOLI

25/10/16 – IL CASO DI IAL LOMBARDIA

25/10/16 – IL CASO DI TIEMME SPA

25/10/16 – L’ESEMPIO DI SIA SRL

25/10/16 – IL CASO DI GAIA SPA