Le buone pratiche della formazione: il caso di MOM – Mobilità di Marca

25 settembre 2017

Prosegue la rubrica dedicata a “le buone pratiche della formazione”, uno spazio della nostra newsletter che periodicamente Fonservizi dedica alle aziende aderenti. Si tratta di un diario nel quale annotare e dare evidenza ad esperienze di formazione alle quali aziende e lavoratori hanno preso parte grazie al riconoscimento di finanziamenti da parte del fondo. In questo numero segnaliamo la positiva esperienza di MOM, società per azioni del TPL (Trasporto Pubblico Locale) controllata da 39 enti (Provincia di Treviso, ATAP, ATVO e 36 Comuni della provincia di Treviso). Nel dettaglio MOM gestisce attualmente il trasporto pubblico locale nel territorio della provincia di Treviso, con linee extraurbane che raggiungono le principali città del Veneto, le spiagge di Jesolo e la provincia di Pordenone incluso il servizio urbano nelle città di Treviso, Vittorio Veneto, Conegliano, Montebelluna, Asolo e servizi di scuolabus.

Il piano formativo premiato lo scorso 12 aprile da Fonservizi nasce da una complessa analisi dei fabbisogni, rilevata tramite una serie di incontri, da cui è emersa la volontà di aggiornare il personale su alcune tematiche.

Nello specifico si è costruito un percorso modulare di 242 ore di formazione per 253 allievi, sviluppato in 9 moduli formativi, iterati in più edizioni. Il piano, condiviso con le parti sociali, ha trovato per la sua originalità un vivo interesse da parte di tutti i partecipanti. Vista la complessità del piano si è deciso di continuare la collaborazione con l’ente accreditato PIANETA FORMAZIONE SRL di Treviso che ha gestito l’intero progetto partendo dalla progettazione, il coordinamento, il reperimento di docenti senior, il tutoraggio, il rilascio delle attestazioni richieste, la gestione del portale e la rendicontazione, riuscendo a completare le ore previste e garantendo che tutte le spese sostenute fossero poi correttamente rendicontate. Oltre all’Ente che ci ha professionalmente seguito, fondamentale è stato il contributo del Conto Formazione Aziendale di Fonservizi, senza il quale MOM non sarebbe riuscita a completare, anche economicamente, un tale impegno. Ciò dimostra come sia determinante riuscire a trasformare quanto accantonato in concrete opportunità formative, indispensabili per migliorare l’immagine e le competenze aziendali.

ARCHIVIO ARTICOLI LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE
4/12/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. ATM Milano

31/10/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. MAR. Srl

26/07/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI INFRATRASPORTI TORINO

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ACQUA NOVARA VCO

15/05/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO ATENA SpA

4/04/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI SETA SpA

13/03/17 – IL CASO CTM CAGLIARI

28/02/17 – IL CASO DI “ LA GARDENIA SRL”

1/02/17 – IL CASO APT GORIZIA

28/12/16 – IL CASO DI ASA SPA

28/11/16 – L’ESEMPIO DEL COMUNE DI MILITELLO DI CATANIA

26/10/16 – L’ATTIVITÀ DI ASTI SERVIZI PUBBLICI

26/10/16 – IL CASO DI ASIA NAPOLI

25/10/16 – IL CASO DI IAL LOMBARDIA

25/10/16 – IL CASO DI TIEMME SPA

25/10/16 – L’ESEMPIO DI SIA SRL

25/10/16 – IL CASO DI GAIA SPA