Le buone pratiche della formazione: il caso di Villa Torri Hospital

11 marzo 2020

Riprende la rubrica dedicata a “le buone pratiche della formazione”, uno spazio della nostra newsletter che periodicamente Fonservizi dedica alle aziende aderenti. Si tratta di un diario nel quale annotare e dare evidenza ad esperienze di formazione alle quali aziende e lavoratori hanno preso parte grazie al riconoscimento di finanziamenti da parte del fondo. In questo numero segnaliamo la positiva esperienza di Villa Torri Hospital con particolare riferimento al piano formativo codice avv022018003, finanziato da Fonservizi a valere sull’avviso 02_2018.
Villa Torri Hospital fa parte di GVM Care & Research – Gruppo Italiano che opera in sanità, ricerca, industria biomedicale, benessere termale e servizi alle imprese, con l’obiettivo di promuovere il benessere e la qualità della vita. Cuore del Gruppo, fondato nel 1973 dal Presidente Ettore Sansavini, è la rete integrata di Ospedali di Alta Specialità, Polispecialistici e Day Surgery: un network di strutture e competenze professionali che coinvolge numerose regioni italiane e che si estende anche all’estero. Villa Torri Hospital si distingue per l’eccellenza delle prestazioni, un elevato livello professionale, valorizzato e sostenuto attraverso periodici corsi di formazione e aggiornamento. Il piano formativo finanziato da Fonservizi, si è incentrato su specifiche tematiche legate alla sicurezza; un piano mirato che ha dedicato particolare attenzione al modo d’intendere di fare formazione, sia nella progettazione che nell’utilizzo di un approccio interattivo che comporti la centralità del lavoratore nel percorso di apprendimento.
Il Piano, strutturato in 116 ore di didattica, ha formato 63 dipendenti con 173 presenze, 21 corsi portati a termine, pari al 96% dei previsti, e l’86% di ore di didattica effettuate. All’interno del piano, percorsi formativi quali “la Gestione dell’aggressività”, la “Gestione dello stress”, il “Benessere psicofisico sul lavoro” hanno prodotto chiari ed evidenti vantaggi determinando il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Notevole successo ha riscosso Il Corso “Management per Coordinatori” che ha permesso di rafforzare la capacità di scelta e autodeterminazione dei soggetti coinvolti, di sviluppare parallelamente la percezione del proprio valore e del controllo della situazione lavorativa, nonché l’autostima e l’autoefficacia.
La formazione non è stata solo didattica, ma coinvolgimento attivo ad una esperienza di relazione che ha favorito la possibilità di espressione e di confronto su quanto stava a cuore a chi vi partecipava.
Questo atteggiamento ha portato ad un reale miglioramento nella conduzione dei processi produttivi, diventando dunque anche un investimento e un reale momento di crescita e di apertura al cambiamento.
Quella consapevolezza che ha permesso di entrare in contatto con le potenzialità dell’individuo, riconoscendo i talenti e il potenziale delle persone, realizzando le basi per creare un team che non sia solo la somma di competenze individuali, ma che abbia una propria identità e possa operare in maniera coordinata per ottimizzare i loro processi e le loro performance.
 

Articolo a cura di
Antonella Sermenghi
Responsabile Direzione Infermieristica Tecnica e della Riabilitazione
GVM Villa Torri Hospital

Se vuoi 1 anno di prosperità, fai crescere il grano;
Se vuoi 10 anni di prosperità, fai crescere gli alberi;
Se vuoi 100 anni di prosperità, fai crescere le persone
Guan Zhong – filosofo e politico

 
 

ARCHIVIO ARTICOLI LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE
09/06/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DOTTOR SORRISO ONLUS

04/05/20 LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI EURO.MED., FA.MA. SOC.COOP.SOC. E LA PERGOLA SOC.COOP.SOC.

08/04/20 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI CASA SPA, SPES S.C.R.L., APES S.C.P.A. E SOCIETA’ RISORSE SO.RI. SPA

22/03/19 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI SANTA MARIA DEL CASTELLO ONLUS

27/02/19 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: CONSORZIO PRODEST

24/01/19 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ACSM AGAM SPA

18/12/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI A.AM.P.S. LIVORNO

20/11/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI C.T.I. A.T.I. GRUPPO A.IR. S.P.A.

18/06/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DEL COMUNE DI MESSINA

29/05/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: L CASO DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE DELLA REGIONE LOMBARDIA

15/02/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: L’ESPERIENZA SMAT

31/01/18 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. CARBOIL

4/12/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. ATM Milano

31/10/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI DI. MAR. Srl

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI MOM – MOBILITA’ DI MARCA

26/07/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI INFRATRASPORTI TORINO

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ACQUA NOVARA VCO

15/05/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO ATENA SpA

4/04/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI SETA SpA

13/03/17 – IL CASO CTM CAGLIARI

28/02/17 – IL CASO DI “ LA GARDENIA SRL”

1/02/17 – IL CASO APT GORIZIA

28/12/16 – IL CASO DI ASA SPA

28/11/16 – L’ESEMPIO DEL COMUNE DI MILITELLO DI CATANIA

26/10/16 – L’ATTIVITÀ DI ASTI SERVIZI PUBBLICI

26/10/16 – IL CASO DI ASIA NAPOLI

25/10/16 – IL CASO DI IAL LOMBARDIA

25/10/16 – IL CASO DI TIEMME SPA

25/10/16 – L’ESEMPIO DI SIA SRL

25/10/16 – IL CASO DI GAIA SPA