Le buone pratiche della formazione: l’attività di Asti Servizi Pubblici

26 ottobre 2016

Segnaliamo la positiva esperienza di ASTI SERVIZI PUBBLICI, azienda iscritta a Fonservizi da ottobre 2009. Si tratta di una società per azioni a prevalente capitale pubblico che opera prevalentemente nella città di Asti; trattandosi di una multi utility, l’azienda è strutturata in Business Unit che si occupano direttamente della gestione dei vari servizi, con Funzioni di Staff a supporto delle Business Unit. I principali servizi offerti da A.S.P. sono Trasporti, Mobilità, Igiene Urbana, Servizi Cimiteriali e Servizio Idrico Integrato. L’azienda è certificata ISO 9001 e conta circa 400 dipendenti. L’azienda ha attivato il “Conto Formazione Aziendale” sin da ottobre 2011, ritenendo che questo canale “a sportello” più snello e semplificato, potesse meglio adattarsi alle esigenze di semplificazione dell’azienda. Abbiamo chiesto al Dott. Giuseppe Ronello, Funzione Personale e Servizi Generali di Staff in Asti Servizi, di raccontarci l’esperienza della sua azienda con Fonservizi. Dalla testimonianza raccolta è emerso chiaramente come il Conto Formazione Aziendale abbia rappresentato uno strumento fondamentale per poter intensificare gli interventi formativi. “Per effetto della crisi economica, – spiega Ronello -, la formazione negli ultimi anni stava subendo alcune contrazioni, nonostante l’azienda fosse comunque convinta dell’importanza dell’aggiornamento delle competenze dei lavoratori per la crescita e la competitività”. “Dopo un breve periodo iniziale di parziale lentezza nel riuscire ad applicare tutte le funzionalità dello strumento del CFA”, – continua il Dott. Ronello -, “anche in virtù della scelta di effettuare l’intero complesso della pratiche di finanziamento con risorse interne all’azienda senza affidarsi a società specializzate, ASP è riuscita ad utilizzare il CFA sia per la formazione “obbligatoria”, ad esempio in tema di sicurezza sul lavoro, sia per i fabbisogni dettati dalle continue evoluzioni in campo normativo e tecnico; sono stati organizzati, quindi, eventi formativi aventi sia dimensione gestionale/ amministrativa e tecnica, sia dimensione più specificatamente relazionale, motivazionale e trasversale. Anche la platea degli allievi è stata molto diversificata, spaziando dai profili operai ai manager e responsabili di area”. Per dare un’ulteriore idea dell’utilizzo dello strumento da parte di A.S.P., il Dott. Ronello ci fornisce alcuni dati numerici che sintetizzano il fondamentale ruolo di Fonservizi nelle scelte anche strategiche dell’azienda: “dal 2012, in aggiunta ai 12 piani formativi attualmente in essere, sono stati chiusi complessivamente altri 24 piani, sia di tipo individuale che di tipo aziendale, spaziando da micro interventi spot su 1 risorsa della durata di 1 giornata, ad interventi più corposi, quale ad esempio quello su GESTIONE E UTILIZZO DEL CRONOTACHIGRAFO ANALOGICO – TACHIGRAFO DIGITALE che ha coinvolto oltre 200 lavoratori per un monte ore di formazione pari a 450”. In conclusione, si evidenzia la positività dell’esperienza, anche grazie alle recenti novità del regolamento del CFA, quali, ad esempio, l’eliminazione del contributo privato sui Piani Individuali, che hanno aumentato le possibilità di finanziare, attraverso il Fondo, la quasi totalità degli interventi formativi realizzati in ASP.

M.D.S.

ARCHIVIO ARTICOLI LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE

19/06/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO ACQUA NOVARA VCO

15/05/17 – LE BUONE PRATICHE DELLA FORMAZIONE: IL CASO DI ATENA SPA

04/04/17 – IL CASO DI “ SETA SPA”

13/03/17 – IL CASO CTM CAGLIARI

28/02/17 – IL CASO DI “ LA GARDENIA SRL”

1/02/17 – IL CASO APT GORIZIA

28/12/16 – IL CASO DI ASA SPA

26/11/16 – L’ESEMPIO DEL COMUNE DI MILITELLO DI CATANIA

26/10/16 – IL CASO DI ASIA NAPOLI

25/10/16 – IL CASO DI IAL LOMBARDIA

25/10/16 – IL CASO DI TIEMME SPA

25/10/16 – L’ESEMPIO DI SIA SRL

25/10/16 – IL CASO DI GAIA SPA